Dove si pianta l’alloro? Ecco le posizioni migliori

L’alloro è una pianta sempreverde che, se viene lasciata crescere liberamente, diviene un albero dalla taglia contenuta raggiungendo i 10-12 metri al massimo. Le sue foglie verdi, spesse e lucide, sono molto apprezzate in cucina, in quanto insaporiscono ricette e si utilizzano per tisane rilassanti particolarmente adatte per coloro che soffrono di stomaco.

La pianta di alloro forma una vegetazione molto folta. I rami sono ravvicinati e dalla corteccia liscia, con fogliame fitto e si adatta molto alla formazione di siepi.

In questo articolo andiamo a scoprire come va coltivato l’alloro in modo da farlo crescere sano e rigoglioso.

Il clima e terreno ideali per l’alloro

L’alloro si adatta molto perché si tratta di una specie rustica. Non presenta particolari esigenze, e in inverno è in grado di tollerare anche temperature sotto lo zero,a patto che non siano esposizioni prolungate.

L’alloro si adatta anche a vari tipi di terreno, basta che non siano asfittici, quindi devono essere drenanti a sufficienza, mentre come posizione può crescere facilmente in pieno sole, ma anche in mezz’ombra.

Come piantare l’alloro

Per avere subito soddisfazioni in ambito di pollice verde, è meglio acquistare delle piantine già abbastanza cresciute per aiutarci a farle crescere rigogliose e sane. La pianta va messa a dimora tra ottobre e marzo, evitando i periodi molto piovosi e quelli freddi.

Per trapiantare l’alloro bisogna scavare una buca abbastanza profonda, cosi’ da allentare la terra che si troverà in prossimità delle radici. L’alloro deve essere inserito diritto sul fondo, e poi si ricopre la buca con la terra di scavo mescolata a compost o letame maturi.

Come prendersi cura dell’alloro dopo la messa a dimora

Dopo la messa a dimora della pianta di alloro, dobbiamo seguirla nelle prime fasi per garantirle condizioni favorevoli di crescita.  Non ci sono comunque interventi particolarmente impegnativi. Come abbiamo menzionato, l’alloro è una specie adattabile e resistente, capace di crescere in buona autonomia, proprio come altre piante da siepe.

Acqua e concime per la pianta di alloro

La pianta di alloro ha bisogno di essere annaffiata con regolarità, ma solo quando l’esemplare è ancora molto giovane, dopodiché le precipitazioni sono di solito sufficienti a rispondere ai fabbisogni della pianta. Nel caso di pioggia scarsa o assente per un periodo prolungato, possiamo semplicemente intervenire con una annaffiatura di soccorso.

Per quanto riguarda il concime, è utile spargere manciate di stallatico alla base della pianta ogni anno. Si possono scegliere anche concimi di derivazione naturale, organici o minerali.

La pacciamatura 

La pacciamatura ideale per la pianta di alloro è organica a base di paglia, o foglie, anche di cortecce. Coprire la base del cespuglio è importante per limitare la nascita dell’erba infestante e anche per ridurre la traspirazione dell’acqua.

Se ci troviamo in zone particolarmente fredde, la pacciamatura costituisce un’ottima copertura delle radici dal freddo, soprattutto per le specie più giovani.

author avatar
Salvina Marsiglia
Salvina Marsiglia è una celebre copywriter italo-americana con una passione travolgente per i rimedi casalinghi e il fai da te. Cresciuta immersa nelle tradizioni familiari italiane e nell'energia creativa americana, Salvina ha combinato le sue radici culturali con la sua creatività innata per diventare un'autorità nel mondo dei rimedi fai-da-te. Attraverso i suoi articoli e le sue guide, condivide con il pubblico la sua vasta conoscenza di soluzioni pratiche e naturali per la cura della casa, della salute e della bellezza. Grazie alla sua capacità di comunicare in modo chiaro e coinvolgente, Salvina ha guadagnato una vasta schiera di seguaci che apprezzano i suoi consigli pratici e ispiratori. La sua missione è quella di rendere accessibili a tutti i segreti del fai-da-te, trasformando le case in spazi accoglienti e salutari in modo semplice e divertente.
POTREBBE INTERESSARTI