Questo francobollo con la colomba vale quanto una macchina: ecco quale cercare

Il settore della filatelia è per forza di cose qualcosa che ha una enorme rilevanza nell’impatto degli oggetti da collezione oramai da quasi due secoli. Dalla metà dell’Ottocento infatti è stata concepita “l’invenzione” del francobollo che ha sicuramente rivoluzionato il concetto di corrispondenza portandolo ad una vera e propria assoluta affermazione nel corso del tempo. E sono molte le categorie di francobollo che anche solo ad una prima occhiata riescono ad essere interessanti, come questo esemplare con la colomba.

Questa forma di emissione è stata molto importante per uno specifico paese europeo ed è oggi uno dei più rari nel continente da trovare.

Quanto vale l’esemplare di francobollo con la colomba in questione?

Questo francobollo con la colomba vale quanto una macchina: ecco quale cercare

francobollo con la colomba

Si tratta di una emissione concepita durante le prime fasi della filatelia svizzera, in un periodo, quello di metà 19° secolo contraddistinto da enormi cambiamenti: ai tempi la Svizzera non era ancora de facto una nazione costituita ma una confederazione composta da vari cantoni, ed ancora per qualche anno, facendo riferimento al periodo non avrebbe avuto una produzione filatelica centralizzata.

Questo ha portato ogni singola realtà a sviluppare inizialmente le emissioni in maniera relativamente indipendente. A distanza di soli 5 anni dall’invenzione del Francobollo, avvenuta per il Regno Unito ed impero britannico da parte del funzionario Rowland Hill che ha concepito la prima forma di emissione filatelica che è stata poi concepita nel primo francobollo.

In Svizzera questo esemplare, il Basel Dove (dove sta per colomba, simbolo della città di Basilea, una delle più importanti dell’attuale nazione svizzera) è stato concepito proprio nel 1845 ed è stato uno dei primi francobolli europei a presenta una colorazione variegata e non “monocolore” frutto di un sistema di stampa e ristampa in modo tale da ottenere 3 tonalità, di azzurro, nero e rosso.

Concepito in poco più di 40 mila esemplari (che possono sembrare molti ma in realtà dato il contesto “pionieristico” sono comunque molto pochi già per i tempi) questo esemplare ha avuto una diffusione non così ampia, perdurata ufficialmente per 3 anni. Nel 1848 infatti la produzione di francobolli fu spostata e questo francobollo pur essendo ancora presente in alcuni casi non è stato più concepito.

Oggi è un pezzo ricercatissimo, soprattutto in buono stato perchè simboleggia anche un pezzo di storia della filatelia elvetica, al punto che un esemplare ben conservato può valere varie migliaia di euro fino a 10 mila, mentre un pezzo nuovo linguellato (il valore originale era di 2,5 rappen) può valere ben 18 mila euro.

author avatar
Vincenzo Galletta
Vincenzo Galletta è un rinomato copywriter e giornalista, con una vasta esperienza nel mondo dell'economia, dell'oroscopo e molte altre categorie. La sua capacità di comunicare in modo chiaro e coinvolgente lo ha reso una figura autorevole e rispettata nel campo del giornalismo online. Con milioni di seguaci che lo guardano come una fonte di informazioni affidabile e interessante, Vincenzo ha dimostrato di avere una profonda conoscenza dei temi che tratta, offrendo ai suoi lettori un'ampia gamma di contenuti informativi e intriganti. Grazie alla sua competenza multipla e alla sua abilità nel tenere il pubblico incollato alle sue parole, Vincenzo continua a ispirare e informare un vasto pubblico online con i suoi articoli e le sue previsioni.
POTREBBE INTERESSARTI