Campagna e il territorio salernitano in lacrime per la morte di Gianluca

Giovane campagnese si toglie la vita: Campagna in lacrime!

Dopo la terribile vicenda di qualche giorno fa che ha visto la scomparsa di una ragazza 19enne di Battipaglia, eccone un’altra terribilmente drammatica che ha portato tanto dolore nel comune di Campagna e in tutto il territorio salernitano. Un tremendo episodio che ha scosso tutti, professori, studenti e tutto l’ambiente universitario e non.

LA TRAGEDIA

Doveva essere il solito caotico lunedì universitario caratterizzato dal consueto via vai di numerosi studenti che si accingevano a frequentare le ultime ore di corsi; il solito tranquillo ma caotico lunedì universitario vissuto in biblioteca, con precisione quella scientifica, con i soliti numerosi studenti e i loro “amati” libri pronti ad affrontare un’altra intensa giornata tra studio, chiacchiere e pause caffè. Una tranquillità, però, spezzata tutta ad un tratto da un tragico boato: è lui, il giovane Gianluca Cavalieri, a terra al centro della biblioteca in una pozza di sangue – il ragazzo è caduto dal terzo piano della struttura per cause ancora da stabilire -; si esaurisce la tranquillità e l’atmosfera diventa pesante, subentra la paura e il terrore tra i presenti, anche se qualcuno ha avuto il barbaro coraggio di scattare una foto al giovane ragazzo, uno scatto che sta girando tra i vari smartphone. Un click spietato, incivile, senza senso, immorale, che sottolinea la scarsa presenza di neuroni, o meglio, di buon senso e di etica nell’animo e nella testa di qualche individuo.

Arrivano i soccorsi, ma per il ragazzo non c’è più nulla da fare.  Carabinieri, magistrati e tutte le forze dell’ordine stanno lavorando per ricostruire l’intera tragica vicenda: è stato sequestrato tutto il materiale appartenente al ragazzo per trovare qualche traccia che possa spigare il drammatico episodio; inoltre, alcuni presenti sono stati interrogati e ogni parola, ogni traccia, potrà essere utile alle forze dell’ordine per far luce sulla vicenda. Il Rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Aurelio Tommasetti, ha invitato tutti a rispettare un minuto di silenzio all’inizio di tutte le attività in programma in Ateneo nella giornata di oggi.

Gianluca Cavalieri aveva solo 20 anni ed era originario di Campagna – precisamente viveva a Vallegrini, frazione del territorio campagnese –;  dopo aver frequentato l’Istituto Tecnico Industriale di Eboli, si era immerso nel mondo universitario iscrivendosi al primo anno di ingegneria informatica all’Università di Salerno, dove stava gettando le basi del suo futuro.

Lasciamo,dunque, alle forze dell’ordine il duro compito di svolgere le indagini e le valutazioni del caso. Non dobbiamo e non possiamo condannare e giudicare niente e nessuno, ma abbiamo solamente l’obbligo di stringerci in silenzio intorno ai familiari e di rispettare il loro tremendo dolore.

Riposa in pace giovane angelo.