La smentita di Felice Izzo, il dipendente comunale accusato di aggressione

La smentita di Felice Izzo, il dipendente comunale accusato di aggressione

Martedì scorso, 2 agosto, sul quotidiano La Città di Salerno è stato pubblicato un articolo (dal titolo <Pestato da un dipendente comunale>) riguardante il consigliere di maggioranza del comune di Campagna, Giovanni Iuorio, vittima, stando alla ricostruzione fatta dal giornalista (che, a quanto sembra dal testo, pare aver ricavato diversi particolari dell’accaduto direttamente dalla denuncia), di un’aggressione da parte di un dipendente comunale.

Il Dunque ha preso atto e ha riportato tale notizia precisando, ovviamente, la fonte. A quel punto, però, mancava l’altro soggetto della triste vicenda, cioè il dipendente comunale, visto che il consigliere Iuorio, indirettamente (cioè tramite la propria denuncia ripresa dal giornalista de La Città di Salerno), aveva potuto dare la propria versione dei fatti (Il Dunque, in ogni caso, resta sempre a disposizione per qualsiasi precisazione o dichiarazione degli interessati).

E così, tramite un’indagine effettuata nelle ore successive, siamo riusciti a rintracciare e sentire l’altra “campana” di questa storia, cioè il dipendente comunale, il signor Felice Izzo, che, gentilmente, ha manifestato il proprio punto di vista sull’accaduto girando a Il Dunque la propria smentita ufficiale.

Ecco la sua posizione:

“In riferimento all’articolo, a firma di Massimiliano Lanzotto, dal titolo <Pestato da un dipendente comunale>, preciso quanto segue:

che quanto riportato nell’articolo non corrisponde alla verità, infatti, non vi è in atto alcuna modifica della pianta organica del comune di Campagna, per la quale, tra l’altro, Iuorio non avrebbe avuto nessuna competenza in merito. La discussione è scaturita da una manovra azzardata effettuata dal predetto Iuorio, che ha messo in serio pericolo la mia incolumità, in quanto lo stesso, con un’inversione ad U al centro dell’incrocio tra la via prov.le per Campagna e la via S. Pertini, ha imboccato, con la sua autovettura, il passaggio che conduce al bar ‘Mamas’ senza fermarsi e senza dare la dovuta precedenza. Solo grazie alla frenata brusca fatta dal sottoscritto, che percorreva con la sua autovettura via Sandro Pertini, è stato evitato un grave incidente stradale.

Il sottoscritto è stato poi oggetto, da parte di Iuorio, di gravi minacce ed offese personali, alla presenza di circa una decina di persone, fra questi vi erano anche un consigliere comunale ed ex poliziotto. La sera stessa il sottoscritto, che non era con nessun cane di grossa mole e che si stava solo dirigendo verso casa, nell’incontrare Iuorio, in compagnia di un’altra persona, gli ha spiegato solo che sua mamma non aveva mai fatto il mestiere indicato da Iuorio, per diverse volte, ad alta voce davanti al bar ‘Mamas’.

Preciso che in data odierna ho presentato dettagliato esposto nei confronti di Iuorio per i fatti accaduti e nei confronti del firmatario dell’articolo del quotidiano La Città.

Felice Izzo”.