Calcio, Oliveto Citra: 13enne ricoverato in gravi condizioni per un colpo alla testa

Incidente sull'autostrada A2: Citroën C3 con a bordo una coppia si ribalta

Doveva essere una semplice partita di calcio, durante una tranquilla giornata domenicale. Il tutto, però, si è trasformato in una tremenda tragedia. Purtroppo, è quello che è accaduto domenica pomeriggio nel campo sportivo di Pollica – erano le ore 16:00 circa -, durante, appunto, una normale partita di calcio tra la squadra “Cilento Academy” del posto e il “Battipaglia” – squadra giovanissimi del girone C -. Ad un certo punto, infatti, si è verificato il terribile episodio: un ragazzino di soli 13 anni ha battuto violentemente la testa su un cordolo di cemento a bordo campo.

Il 13enne originario di Oliveto Citra e giocatore del “Battipaglia” – come riporta il quotidiano La Città di Salerno –, dopo un normale scontro di gioco, è finito fuori dal campo e ha battuto fortemente la testa; dopo il tremendo impatto si è accasciato al suolo e non si è più ripreso. Tra la paura e l’incredulità dei presenti, il 13enne è stato subito soccorso dagli operatori del 118, ed è stato trasportato d’urgenza – codice rosso – presso l’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania, dove tuttora è ricoverato presso la sala rianimazione. La prognosi è riservata e le sue condizioni sono gravi.

I carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania, comandati dal capitano Mennato Malgieri, hanno avviato le indagini per ricostruire l’intera vicenda. Molti dei presenti sono stati già interrogati e tutti hanno confermato la stessa cosa: si è trattato soltanto di un brutto incidente.

Fonte: La Città di Salerno