23 novembre 1980: una data impossibile da dimenticare!

23 novembre 1980, ore 19:34: una data e un'ora impossibili da dimenticare!

23 novembre 1980, ore 19:34: una data e un’ora che resteranno impresse per sempre nel cuore, nella mente e nell’animo di milioni di persone che, ben 39 anni fa, vissero un vero e proprio inferno: il terremoto in Irpinia. Stiamo parlando del terribile sisma che colpì l’Irpinia e che venne avvertito, causando numerosi danni e vittime, anche in altri comuni della provincia di Salerno (tra cui Campagna) e in diversi comuni della Basilicata.

Una tremenda scossa di magnitudo 6.9, durata ben 90 secondi – con un ipocentro di circa 10 km di profondità -, che distrusse diversi comuni, molti dei quali vennero rasi completamente al suolo. Fu un evento davvero tragico e drammatico che causò – riferisce Wikipedia – quasi 3mila morti, circa 9mila feriti e circa 280mila sfollati. Tante, inoltre, furono le difficoltà che dovettero affrontare i soccorsi per apportare aiuti ai bisognosi: diversi comuni dopo le scosse divennero quasi irraggiungibili e divenne difficile comunicare anche a distanza con essi a causa del malfunzionamento dell’energia elettrica e delle radio trasmissioni (restarono isolati per alcuni giorni); a ciò si andò ad aggiungere la mancanza di un organo, come la Protezione Civile, capace di gestire  criticità di questa portata (la Protezione Civile, infatti, nacque proprio due anni dopo questo sisma).

Anche il comune di Campagna, seppur in maniera ridotta rispetto agli altri comuni rasi al suolo dal terremoto, subì diversi danni e, purtroppo, ci furono anche delle vittime. A tal proposito, domani il comune campagnese ha organizzato un’intera giornata in ricordo proprio di quei brutti e drammatici momenti.

Il programma stilato prevede la deposizione dei fiori a Largo Sant’Antonio e al cimitero comunale, rispettivamente alle ore 10:00 e 10:30 del mattino. Nel tardo pomeriggio, invece, verrà presentato presso l’ex convento dei Cappuccini (dalle ore 18:00 inizierà la visita) l’evento “23.11.1980/ 23.11.2019”:

“Durante la manifestazione sarà presentato un rilievo (fotografico e geometrico), effettuato a Campagna durante tutto il 1979 ed interrotto il giorno prima del terremoto del 23 novembre 1980. Si tratta di centinaia di foto, negativi, lastre, disegni. Tale materiale, sarà oggetto di una successiva mostra permanente che sarà organizzata nel centro storico”.

23 novembre 1980, ore 19:34: una data e un'ora impossibili da dimenticare!

L’incontro sarà presieduto dal primo cittadino di Campagna, Roberto Monaco, dalla consigliera comunale nonché delegata al centro storico, avv. Elisabetta Granito, dal presidente della Pro Loco, Maria Rosaria Polisciano, dal dirigente dell’istituto di istruzione superiore “T.Confalonieri”, prof. Gianpiero Cerone, dal dott. Andrea Crivellotto (presentazione “Genius Loci Campagna”). Alle ore 19:34:53 verrà osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime, dei danni, nonché dei momenti di terrore causati dal sisma. L’evento si concluderà con la riflessione del responsabile regionale volontariato della Protezione Civile, Berardino Iuorio.

Chi c’era non dimenticherà mai cosa stesse facendo alle 19:34 del 23 novembre di trentanove anni fa; non dimenticherà mai il boato, la paura vissuta in quegli attimi di terrore che sembravano eterni, il cuore in gola, le lacrime, i cumuli di polvere dovuti alla caduta delle macerie, le urla, i muri e le strade squarciate e tutte le altre difficoltà (non basterebbe un articolo per descriverle e per renderle palpabili anche a chi non le ha vissute) che una catastrofe del genere può causare.

Il 23 novembre, dunque, non sarà mai una giornata come le altre per tutti quelli che, 39 anni fa, vissero quei drammatici momenti: dimenticare quella terribile esperienza è pressoché impossibile!

 

Foto e info: pagina Facebook “Sindaco di Campagna”