Laviano, caos politico: cade l’amministrazione di Imbriaco

Laviano, caos politico: cade l’amministrazione di Imbriaco

Il comune di Laviano è in completo caos dopo il fallimento della votazione per l’approvazione del nuovo bilancio economico relativo agli esercizi finanziari 2016-2018. I consiglieri di maggioranza, in modo particolare il vicesindaco Alfonso Sabatino e Gerardo Torluccio, così come tutta la minoranza, hanno votato contro l’approvazione del nuovo provvedimento finanziario facendo così cadere l’amministrazione di Imbriaco che da tre anni era al comando del comune. Il sindaco, sconvolto per l’inaspettata fine del suo mandato, ha rilasciato a Ondanews questa dichiarazione:

La votazione contraria all’approvazione del bilancio, da parte dei consiglieri di maggioranza, è avvenuta in maniera inaspettata e truffaldina, in quanto la sera prima avevamo fatto una riunione e tutti erano favorevoli. Nessuno ha saputo giustificare la reale motivazione di tale sceltaE’ una vera e propria presa della ‘Bastiglia’. Ho avuto centinaia di chiamate di solidarietà da parte dei cittadini, nonostante la mia amministrazione sia stata spesso oggetto di discussione. I consiglieri di maggioranza si sono comportati da carbonai e hanno dimostrato un atto di vigliaccheria. Sono sconvolto”.

Intanto, lungo le strade del comune situato nell’Alta Valle del Sele, sono spuntati dei manifesti con le dichiarazioni dei consiglieri Alfonso Sabatino e Gerardo Torluccio, che hanno così voluto spiegare ai cittadini il motivo della loro pesante scelta: “Una decisione sofferta ma, per il bene del nostro paese, abbiamo deciso di porre fine a questa agonia. La nostra è solo una scelta politica e totalmente autonoma, perché noi abbiamo idee diverse sia dal resto della maggioranza che dal gruppo di minoranza. Chiediamo scusa ai cittadini”.

Il prefetto di Salerno sarà chiamato, dunque, a porre fine al caos nato nel comune della provincia di Salerno. Infatti, verrà nominato il commissario prefettizio che prenderà il posto dell’ormai ex sindaco Imbriaco.

Fonte: http://www.ondanews.it/

Antonino Pierro