Insegnanti arrestati: l’accusa è di maltrattamento e violenza sessuale

Insegnanti arrestati: l’accusa è di maltrattamento e violenza sessuale

I carabinieri del comando provinciale di Avellino, nella mattinata di ieri, hanno eseguito quattro misure coercitive nei confronti di altrettanti insegnanti, tra i 46 ed i 66 anni e residenti nelle province di Avellino e Salerno, “accusati – stando alla ricostruzione effettuata dal sito d’informazione Salerno Todaydi ripetuti maltrattamenti nei confronti di alunni minorenni e, per uno di loro, pende anche il reato di violenza sessuale”.

La notizia, ovviamente, ha sconvolto l’intera comunità irpina e la stessa dirigente scolastica, Antonella Ambrosio, che si è così espressa sul terribile accaduto: “Sono arrivata a scuola e mi sono ritrovata con quattro docenti in meno: è stato un fulmine improvviso nelle nostre vite, nella nostra scuola in cui mai nessuno mi aveva raccontato nulla, nessun genitore mi aveva riferito di violenze o maltrattamenti. Mai un sospetto, non riesco a credere a quanto accaduto. Li conosco da tempo e non so che dire. Sono sconvolta”.

Dopo la denuncia effettuata nel mese di gennaio da alcune mamme dei bambini frequentanti la scuola dell’Infanzia, è cominciata un’approfondita indagine da parte dei carabinieri della stazione di Solofra attraverso un’attività d’intercettazione audio-visiva: i bambini subivano costantemente maltrattamenti fisici, mentre uno degli insegnanti – responsabile del reato di violenza sessuale – è stato autore di palpeggiamenti nei confronti di un minore.