Tari, nuovo avviso: “I cittadini paghino la prima e la seconda rata”

Tari, "la resa dei conti": il 23 maggio ci sarà il consiglio comunale monotematico

Ci siamo, è iniziata una nuova puntata denominata “Tari”. Un altro importante avviso che riguarda questa delicata e scottante tematica, infatti, è stato emanato dall’amministrazione comunale. Ora, è stato comunicato ai cittadini di pagare anche la seconda rata.

Difatti, recita così il comunicato esposto dal’amministrazione comunale di Campagna:

“L’amministrazione comunale porta a conoscenza della cittadinanza che, in riferimento alla Tari 2019, in considerazione di alcuni fatti intervenuti, sarà attuata una riduzione dell’importo complessivo da pagare per la terza e quarta rata.

Nelle more dell’adozione degli atti necessari per la riduzione della tariffa, la cittadinanza è invitata a pagare la prima rata e a luglio la seconda rata”.

Tari, nuovo avviso: "la cittadinanza è invitata a pagare la prima rata e a luglio la seconda"

Ricapitolando: prima è arrivata la stangata a tutti i cittadini, con un aumento dell’imposta di circa il 60%; successivamente, dopo il polverone che si è alzato in città per via di questo spropositato e non ben motivato innalzamento della tassa, è arrivata la prima comunicazione del primo cittadino di Campagna, Roberto Monaco, che affermava di pagare, inizialmente, solo la prima rata. Ora, invece, alla prima si aggiunge anche la seconda rata da pagare a luglio, mentre la terza e la quarta subiranno delle modifiche, nonché delle riduzioni.

Quasi ogni campagnese si sarà chiesto il perché sia stato attuato questo procedimento, il perché si sia atteso prima che la gente ricevesse queste imposte salate – qualcuno ha già provveduto al pagamento dell’intera quota, e adesso come ci si comporterà in caso di riduzione? – e, solo in un secondo momento, si è deciso di trovare una sorta di “soluzione”; il perché, infine, non ci sia stata chiarezza sul modo in cui è stata gestita questa situazione.

Detto ciò, dunque, i campagnesi, probabilmente, meriterebbero in fretta delle risposte concrete. Si spera, quindi, che questo consiglio monotematico annunciato dal sindaco venga fatto al più presto e che, soprattutto, vada a fare chiarezza su quanto accaduto.