Scutigere velenose: attenzione a come riconoscerle in casa

Gli esseri umani sono indiscutibilmente la specie etimologicamente più evoluta sul pianeta, ma nonostante questa tipologia di affermazione biologica, la nostra specie non può che continuare a condvidere il proprio habitat con numerose altre specie, animali in particolare. Se molti di questi sono indubbiamente utili per fini pratici ma anche per la convivenza controllata, numerosi altri sono indubbiamente meno graditi. Un esempio sono gli invertebrati ma anche numerose altre tipologie che anche “naturalmente” sono fonte di fastidio, com le scutigere, una variante di antropode molto comune in  praticamente ogni condizion climatica ed ambientale che ha un ruolo molto importante per l’ecosistema. Le scutigere velenose possono essere confuse con altri artropodi, per questo è importante saperle riconoscerle e “rispettarle”.

Quali sono i comportamenti da adottare in caso di “incontro” con questi animali dalla forma allungata?

Ecco cosa dice l’esperto.

Le scutigere velenose sono pericolose? Ecco come riconoscerle e cosa fare

Le scutigere velenose sono pericolose? Ecco come riconoscerle e cosa fare

Le scutigere, chiamate anche centipedi, hanno un corpo allungato

Le scutigere, chiamate anche centipedi, hanno un corpo allungato, di colore giallo-bruno, hanno 15 paia di zampe ed un corpo semiflessibile che si sviluppa nei prmi mesi di vita, che può essere mediamente lunga dai 3 ai 7 anni.

Non misura in genere più di 5-6 cm di lunghezza, a differenza delle scolopendre che sono molto più grandi pur condividendo una certa somiglianza estetica, anche perchè sono molto più pericolose. Le scutigere invece, pur essendo velenose, sono fondamentalmente innocue per gli esseri umani ma anche per gli animali domestici.

Nonostante il veleno risulti essere molto “Potente” per le prede, non è pericoloso per i mammiferi più grandi: la scitugera è un animale molto utile in quanto ha una dieta insettivora, contribuendo a ridurre considerevolmente il numero degli insetti di ogn di ogni tipologia nel proprio habitat, in condizioni di “Incontro” con esseri umani tende a scappare e solo in condizioni di emergenza utilizza per la propria difesa.

Ecco perchè le scutigere, a differenza di altri antropodi, non vanno uccise: privilegiano gli ambientu umidi e  lontani dalla luce, come ad esempio le crepe nei muri, fessure ma anche sotto i mobili e qualsiasi altra tipologia di area sufficientemente “schiva”.

Generalmente si prendono provvedimenti di disinfestazione solo a fronte di una vera e propria infestazone, in tutti gli altri casi è sufficiente non fare niente a questi animali, almeno direttamente, se non tenere quanto più possibile il proprio ambiente casalingo pulito ed ordinato.

E’ comunque possibile rendere la propria abitazione poco “attraente” per le scutigere facendo ricorso a sostanze vegetali molto “forti” dal punto di vista olfattivo: questi animali non tollerano il pepe di cayenna, ma anche la menta piperita oppure i chiodi di garofano.

POTREBBE INTERESSARTI