Allarme farmaci: ecco quali non si trovano

È da un po’ che mancano farmaci in Italia. È proprio l’Aifa, ovvero l’Agenzia italiana del farmaco, ad aggiornare la lista dei farmaci mancanti, che in totale sono ben 3200. Si tratta però di una lista che va sempre più crescendo, in base alle segnalazioni. Questa mancanza è una cosa abbastanza comunque, come quando nel periodo del Covid non si riusciva a trovare l’ibuprofene. In questo caso invece, questa mancanza è dovuta al piccolo dell’influenza.



Allarme farmaci: ecco quali non si trovano

Come abbiamo detto prima sono tanti i farmaci che non si riescono a trovare. Tra essi troviamo principalmente antinfiammatori, antivirali e antibiotici. Sono infatti difficili da trovare la Tachipirina, il Nurofen, il Moment, l’Efferalgan, il Tachifludec, la Neoborocillina, l’Amoxicillina, la Neo Borocillina e lo Spididol. Bisogna però precisare che la maggior parte di questi farmaci non sono proprio più in commercio, ovvero non vengono più prodotti.

Tra le cause principali di questa mancanza c’è la guerra che si sta svolgendo in Ucraina contro la Russia ma anche i problemi di produzione che sono legati alla crisi energetica e alla scarsità di materiali per il packaging. Ovviamente, è da considerare anche il picco di influenza e il Covid nei Paesi Asiatici.



Sono molte le preoccupazioni dei farmacisti, che non riescono ad accontentare in nessun modo il cliente. C’è da dire però che come abbiamo già detto prima, alcuni farmaci mancanti sono tali, non per la crisi, ma perché sono fuori produzione. Proprio in questo c’è molta differenza. I farmaci indisponibili su 3200 sono oltre il 50%. Quando si parla di indisponibilità, infatti, non c’è reperibilità per tutto il Paese, dato che non vengono prodotti più. Invece, quando si parla di mancanza, non c’è reperibilità solo in alcune zone, causato da problemi a livello della distribuzione del farmaco, che può essere diversa da una zona all’altra.